“Benevento longobarda era da finanziare, vero???”

Ormai è palese che gli errori di questa amministrazione, targata Clemente Mastella, siano all’ordine del giorno. Sono talmente tanti da non farci più caso. Attaccare un’amministrazione impotente e dilettantistica come questa, tanto per fare qualcosa, non avrebbe senso…anche in virtù del fatto che è destinata a durare molto poco.

Se però, leggendo un documento, quello del bilancio stabilmente riequilibrato, si incappa in una voce strana, a pagina 117, nella sezione operativa del quadro generale degli impieghi di programma, ambito commercio…ci si rende conto che forse alcune “manovre” fatte ai piani alti non tengono conto che esistono dei cittadini che oltre a parlare sanno anche leggere.

Ma veramente pensate che siamo tutti deficienti?

E veniamo al punto in questione: nell’ambito di questa striminzita pagina (delle oltre 300) che parla di attività di promozione, eventi fieristici e spettacolari, nonché di realizzazione di eventi periodici, finalizzato ad accrescere gli scambi commerciali…ebbene, nella suddetta pagina troviamo di tutto.

La festa della Madonna delle Grazie, la fiera agricola di San Giuseppe (già fatta), il mercatino delle streghe che si fa ogni mese, Chocoliamo, Bentorrone, Notte delle Streghe, Sannio Festa.

Tutti eventi conosciuti, tutti eventi finanziati (?) anche dal Comune.

Però con una novità quest’anno.

Era stata inserita anche la manifestazione “Benevento Longobarda” giunta alla sesta edizione e finanziata solo con contributi privati e sponsorizzazioni, senza soldi pubblici.

E qui casca l’asino…come mai è stata inserita questa manifestazione senza che il Comune di Benevento  desse un solo euro all’omonima associazione come risulta dal documento ufficiale del 24 di aprile scorso?

Perché in mezzo a tante manifestazioni “sponsorizzate” è stata inserita questa senza poi dar seguito ad alcunché?

E chi potrebbe leggere questo documento cosa penserà? Che la sesta edizione della Benevento Longobarda sia stata finanziata anche dal Comune? E che quindi, indirettamente, sia stata finanziata anche l’associazione Sannio Report che ospita sul sito dei Santi Quaranta questa manifestazione?

Se non volevate finanziare questa importante manifestazione potevate anche evitare di metterla in un documento programmatico redatto un mese e mezzo prima, tanto gli amici dell’associazione Benevento Longobarda l’avrebbero  fatta da soli, come sempre. E probabilmente nessuno di loro si sarebbe sognato di attaccarvi su questo punto, perché vi ignorano come è giusto che sia. Io non vi ignoro, vi attacco quando serve e permettetemi di dire che, in questo caso, serve eccome.

Felice Presta

 

Salva